Al Teatro Civico 14 la prima dello spettacolo “Malagrazia”

malagrazia-tc14Il Teatro Civico 14 di Caserta ospiterà il 20 gennaio alle 20.30 la compagnia milanese Phoebe Zeitgeist, artefice dello spettacolo “Malagrazia”, presentato in anteprima proprio a Caserta con la drammaturgia di Michelangelo Zeno e la regia di Giuseppe Isgrò.
Il regista interpreta tra l’altro, insieme a Dario Muratore, anche uno dei due protagonisti: lo spettacolo racconta infatti le vicende di due fratelli rimasti orfani, che devono fare i conti con la voglia di diventare subito grandi, le paure dell’infanzia e soprattutto il timore di poter restare soli.
I protagonisti inventeranno mondi paralleli per sfuggire alla tristezza della realtà, ma i confini tra verità e fantasia verranno spesso cancellati dalla presenza di personaggi misteriosi e minacciosi.
I bambini (che vengono però interpretati da attori adulti) finiranno così per incarnare lo spirito dell’intera umanità, che ha tra le sue principali preoccupazioni, specie in un periodo storico come quello attuale, proprio quella di potersi trovare sola con sé stessa.

“Malagrazia” è uno spettacolo duro, concreto, che non lascia tanto spazio all’ottimismo e presenta le cose così come sono, anche se a volte possono apparire crude e difficili da accettare. A dirlo è lo stesso regista Giuseppe Isgrò: “I due fratelli sono creature isolate a cui non resta altro che il desiderio di un’identità in grado di placare le eterne tensioni fra l’alto e il basso, fra il superno e l’infimo. Fino alle tragiche istanze finali. Il processo che porterà alla versione definitiva di MALAGRAZIA, si svilupperà a tappe – Isole, attraversando, per circa un anno, diversi luoghi che ne segneranno l’evoluzione. Ogni luogo sarà un’Isola della ricerca o un Approdo dell’andare in scena”.

La compagnia milanese Phoebe Zeitgeist ha tra le sue particolarità proprio quella di leggere la realtà in maniera molto critica: l’obiettivo è quello di interpretare i fenomeni sociali, culturali e politici utilizzando l’arte come chiave universale, dove per arte non si intende solo il teatro ma ogni linguaggio (letteratura, cinema, musica e quant’altro) che possa aiutare a decodificare l’attualità. Per questo il gruppo milanese organizza non solo spettacoli teatrali ma anche conferenze, mostre, incontri con gli studenti delle università e collaborazioni con istituzioni che si dedicano all’arte contemporanea.

Fotografia di Giovanni Filippi

– See more at: http://www.casertaweb.com/articoli/26697-al-teatro-civico-14-la-prima-dello.asp#sthash.ikeWicu3.dpuf

You may also like...