Al teatro Ricciardi “Una giornata particolare” con l’omaggio ad Ettore Scola

una-giornata-particolare-teatro-ricciardiLa rilettura del film capolavoro di Ettore Scola “Una giornata particolare” andrà in scena martedì 6 dicembre alle 21.00 al Teatro Ricciardi di Capua. Non facile il compito che dovranno portare a termine la regista Nora Venturini, gli attori della compagnia “Gli ipocriti” e soprattutto i due protagonisti, Giulio Scarpati e Valeria Solarino, chiamati a “sostituire” due grandi interpreti del cinema italiano come Marcello Mastroianni e Sophia Loren. Riprendendo la sceneggiatura datata 1977 di Scola e Ruggero Maccari, adattata al teatro da Gigliola Fantoni, gli attori dovranno riproporre una narrazione che fece emozionare milioni di italiani: una vicenda in cui si mescolano la storia dell’Italia e le preoccupazioni di due personaggi, Gabriele e Antonietta, che rappresentano uno spaccato perfetto dell’Italia del ventennio fascista.

La rappresentazione è ambientata nella giornata del 6 maggio 1938, quella dell’incontro a Roma tra Hitler e Mussolini, che segnò il destino dell’Italia. A pochi chilometri dal luogo dell’incontro, in un quartiere popolare della capitale, Antonietta, a causa di una coincidenza fortuita, conosce in una palazzina semideserta (sono tutti alla parata in onore di Hitler) un suo vicino, il signor Gabriele, ex annunciatore dell’Eiar licenziato e condannato al confino a causa della sua omosessualità. I due si attraggono reciprocamente e si intrattengono a parlare per ore nonostante siano totalmente diversi: colto e contrario al regime lui, donna semplice, dedita alla famiglia e conquistata dalla figura di Mussolini lei.

Nonostante le differenze, si mettono a nudo l’uno di fronte all’altro confessando la solitudine delle loro anime: Antonietta è affascinata da Gabriele e tenta di sedurlo, per poi apprendere che è omosessuale. Mentre la radio continua a raccontare l’incontro tra i due leader politici, Gabriele regala ad Antonietta il libro “I tre Moschettieri”, simbolo della speranza che le donne possano liberarsi dalla schiavitù a loro imposta dal regime.

“Abbiamo deciso di mettere in scena Una giornata particolare, superando timori e scrupoli verso il capolavoro cinematografico originale” afferma la regista Nora Venturini “perché a ben guardarla la sceneggiatura di Scola e Maccari nasconde una commedia perfetta. Antonietta, asservita ai figli e al marito, grazie a Gabriele mette in discussione le sue certezze sul regime. Gabriele costretto tutta la vita a fingere e a nascondersi, con Antonietta finalmente si sente libero, esce allo scoperto, per la prima volta si sente accettato, apprezzato e amato per quello che è. La loro storia è la storia, purtroppo sempre attuale, di coloro che non hanno voce, spazio, rispetto, e sui destini dei quali cammina con passo marziale la Storia con la S maiuscola”. (Manuel Zeno)

– See more at: http://www.casertaweb.com/articoli/26346-una-giornata-particolare,-l-omaggio.asp#sthash.2hcJqHWJ.dpuf

You may also like...