FESTA DEI MUSEI dal 19 al 20 maggio

Gli eventi sul territorio.

Romanzi storici al Museo dell’Antica Calatia Eventi a Caserta

Nel Museo sono presentati, suddivisi su due piani del Casino dei duchi Carafa, i reperti archeologici provenienti dagli scavi condotti nell’area dell’antica Calatia e dal suo territorio e i corredi provenienti dalle necropoli calatine ubicate a Sud-Ovest e Nord-Est dell’abitato, che si distinguono per la loro completezza e conservazione, documentando un lungo arco cronologico che va dall’VIII secolo a.C. al III secolo d.C.

L’esposizione è resa attraente e stimolante dalla ricostruzione in scala reale dei contesti tombali. Visite a cura delle Associazioni del territorio e del personale del museo.

Ad Alife la mostra sugli antichi abitanti

Anche il museo di Alife partecipa alla Festa dei Musei ed alla Notte dei musei in programma sabato e domenica in tutta Italia.

Nel Museo alifano sono oggi raccolte le testimonianze relative alle varie fasi di occupazione umana nella zona, in particolare relative alla preistoria, all’epoca preromana e romana. Le collezioni illustrano la storia e la cultura delle popolazioni che abitarono nell’antichità il territorio del Matese-Casertano, in origine parte del Sannio e poi inserito nella regio I augustea (Latium et Campania).

L’allestimento presenta numerosi reperti (armi e strumenti litici, vasellame ceramico e vitreo, oggetti in metallo) distinti per contesti cronologici e/o territoriali, provenienti da necropoli.
Visite guidate a cura del personale del museo


Visite guidate al Teanum Sidicinum ed al teatro romano
Teano città di cultura per la Festa dei Musei in programma sabato 19 e domenica 20 maggio con l’apertura straordinaria dei monumenti e speciali visite guidate gratuite sia al Museo archeologico sia al Teatro Romano.

Sarà possibile visitare il Museo di Teano dove sono esposti i reperti provenienti dagli scavi nel centro antico e nel territorio di Teanum Sidicium, abitato da una popolazione italica parlante l’osco che sviluppò una propria originale cultura figurativa sin dal VI secolo a.C. L’esposizione, organizzata per contesti di rinvenimento, sviluppa sulle due navate dell’edificio medievale le principali dinamiche di occupazione del territorio: l’età dei villaggi (VIII-IV secolo a.C.: sale II-IV) e l’età della città (III secolo a.C. – VII secolo d.C.: sale V-VII). I nuclei principali sono costituiti dagli oggetti votivi deposti nei santuari e la ricchezza della popolazione sidicina è testimoniata anche dai corredi funerari delle necropoli sia dei villaggi, sia cittadine .

Le visite guidate saranno a cura del personale interno, dell’Associazione Teano in Movimento e dell’Associazione Sidicina Amici dei Musei. Sabato 19 maggio dalle 8,30-22,30 (ultimo ingresso ore 22), domenica 20 maggio ore 8,30-19,30 (ultimo ingresso ore 19).

Sempre a Teano, in occasione della Festa dei Musei, sabato e domenica sarà possibile visitare, con visite ogni ora a cura dell’Associazione Teano in Movimento e dell’Associazione Amici dei Musei, Il Teatro romano, uno degli edifici teatrali più importanti dell’Italia antica, interamente costruito su volte, con un impianto architettonico all’avanguardia per le soluzioni costruttive adottate nel panorama degli edifici teatrali di tradizione ellenistica in Italia.

Venne modificato in età augustea e, su impulso di Settimio Severo agli inizi del III secolo d.C., fu completamente rinnovato e assunse forme grandiose. La cavea raggiunse un diametro di circa 85 metri e l’edificio scenico, decorato con tre ordini di colonne, capitelli, architravi e sculture nei più rari e pregiati marmi, raggiunse circa 26 metri di altezza.

In epoca tardo antica e medievale, sulle rovine dell’edificio, si impiantò un cantiere per il recupero e il riutilizzo dei materiali architettonici di marmo. In età moderna dell’antico teatro restava solo un vago ricordo. Le prime esplorazioni sistematiche del monumento furono condotte agli inizi degli anni ‘60 del secolo scorso da Werner Johannowsky, dal 1998 fu concepito un articolato progetto di esplorazione, restauro e valorizzazione del sito.

Al Teatro di Teano è dedicato un intero settore del Museo archeologico di Teano, con plastici ricostruttivi del complesso, resti architettonici, tra cui architravi e capitelli riccamente decorati, e apparati scultorei di grande pregio.


Ager Campus: l’antica Atella aperta
Il Museo racconta la storia dell’area meridionale dell’ager Campanus posta a Sud e ad Ovest dei Regi Lagni e dell’antica città di Atella, centro urbano di riferimento, dalla ricostruzione di una necropoli con sepolture di bambini, entro anfore appartenente a un grande complesso rustico databile tra il III-IV secolo d.C., ai reperti databili dall’età del Bronzo all’età tardo antica, provenienti dalle necropoli sparse sul territorio e relative a insediamenti, villaggi o fattorie che caratterizzano la campagna antica nelle sue varie fasi cronologiche. Di particolare rilievo la collezione vascolare di vasi a figure rosse di produzione campana. Visite guidate a cura del personale del museo.

Dal 19/05/2018 al 20/05/2018
Sabato 10.00-13.00/16.00-21.00; domenica 10.00-13.00/15.00-18.00
Fonte: http://www.casertanews.it/eventi/cultura/festa-musei-succivo-19-20-maggio-2018.html

You may also like...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi