Giornata della Memoria, Caserta ricorda le vittime con tre eventi

giornata-memoria-eventi-casertaL’Assessorato alla Cultura del Comune di Caserta ha organizzato tre eventi di grande rilevanza in vista della Giornata della Memoria, ricorrenza che cade il 27 gennaio per ricordare i circa 6 milioni di ebrei vittime della Shoah, a cui vanno aggiunti omosessuali, nomadi, testimoni di Geova ed altre persone uccise dal regime nazista perché non ritenute degne di mescolarsi a quella che era considerata la “razza perfetta”, quella ariana.

Primo appuntamento nella serata del 25 gennaio al teatro comunale “Parravano” di via Mazzini, dove andrà in scena la rappresentazione “Vinti e Vincitori”, un vero e proprio processo al negazionismo scritto da Patrizio Ranieri Ciu insieme al grande penalista scomparso Alfonso Martucci. Sul palco ci saranno gli attori della “Compagnia della città” ed anche il sindaco di Caserta Carlo Marino, che interpreterà il ruolo del giudice.

Il 27 gennaio sarà invece aperta alle 11.30 una mostra presso il Museo d’arte contemporanea del Comune, nel complesso di Sant’Agostino: saranno esposti i lavori degli studenti dell’I.S.I.S.S. “E. Mattei” di Caserta e i calligrammi degli allievi della V sez. E del Liceo Classico della Comunicazione dello storico liceo “P. Giannone”. Oltre alle opere degli alunni la mostra conterrà i lavori di alcuni artisti casertani e i venti pannelli, appartenenti all’associazione “Melagrana Onlus”, del “Viaggio nella Memoria”, nei quali vengono raccontate le atrocità commesse nei lager nazisti.

Ultimo appuntamento martedì 31 gennaio alle 10.00, ancora al teatro “Parravano”, dove saranno presenti per la “Giornata della Consulta Provinciale degli Studenti” due rappresentanti di ogni scuola superiore della provincia. I ragazzi saranno protagonisti di un dibattito su temi di grande attualità. Durante l’evento è prevista anche la proiezione del trailer del documentario “Terra bruciata” di Luca Gianfrancesco, che racconta, con l’aiuto di diversi storici, gli eccidi nazisti avvenuti in Terra di Lavoro, da quello di Bellona a quello di Conca della Campania. Dopo l’introduzione dello storico Felicio Corvese intitolata “La Seconda Guerra Mondiale in Terra di Lavoro: una difficile Memoria”, ci sarà un dibattito al quale parteciperanno il sindaco di Caserta Carlo Marino, il regista Luca Gianfrancesco, il docente dell’Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli” Giuseppe Angelone e Graziella Di Gasparro, testimone della strage di Conca della Campania.

“Quest’anno” ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino “abbiamo deciso di dar vita a diverse manifestazioni che ricordino l’orrore più grande che sia mai avvenuto nella storia dell’uomo, che è l’Olocausto. È importante non dimenticare e focalizzare l’attenzione anche sulle tremende stragi che i nazisti hanno compiuto nei nostri territori, insanguinando le comunità e spargendo terrore. Nel mio caso, poi, ho deciso di testimoniare l’attenzione nei confronti di un tema così delicato attraverso la partecipazione ad una recita, nella quale onoro la memoria delle vittime e del grande avvocato Martucci, uno degli autori del testo”.
L’assessore alla Cultura Daniela Borrelli sottolinea invece quanto sia importante mantenere vivo il ricordo di questo orrore per non incorrere nel rischio di un aumento del negazionismo, anche alla luce del fatto che gli anni inesorabilmente passano portandosi via i pochi testimoni diretti di quel nefasto periodo storico.

You may also like...