Il Fai sceglie i tesori dell’Antica Atella per le due “Giornate di Primavera”

giornate-fai-atellaAl Palazzo Ducale di Sant’Arpino si è svolta ieri la conferenza stampa di presentazione delle “Giornate Fai di Primavera”, evento organizzato dal Fondo Ambiente Italiano per il 25 e 26 marzo nei tre comuni di Succivo, Sant’Arpino ed Orta di Atella.

L’obiettivo della manifestazione è quello di valorizzare l’arte ed il patrimonio attraverso percorsi appositi ed aperture straordinarie: il programma della due giorni è stato illustrato dal capo della Delegazione Casertana del Fai Donatella Cagnazzo e dai sindaci delle tre cittadine che si sono unite nel motto “Lasciamo cadere la maschera”: con questa frase si fa riferimento ovviamente all’immenso patrimonio artistico legato alle Fabulae Atellanae, che nacquero proprio in questo territorio, ma allo stesso tempo si lascia intendere la presenza di altre bellezze tutte da scoprire.

La collaborazione tra i sindaci Gianni Colella (del comune capofila Succivo) Giuseppe Dell’Aversana (Sant’Arpino), Giuseppe Mozzillo (Orta di Atella) e i dirigenti scolastici degli istituti presenti nei tre comuni hanno permesso la creazione di un percorso storico unico.
“Un’azione, questa , di qualificato volontariato” ha sottolineato Donatella Cagnazzo “un’accoppiata tra pubbliche amministrazioni e mondo della scuola che non potrà che essere vincente anche per tante occasioni future. Per noi tutti della provincia di Caserta è un orgoglio considerare che tra i mille luoghi che il Fai apre in tutta Italia ci sono anche i tesori dell’Antica Atella”.
A fare da guide saranno gli studenti degli istituti del comprensorio e anche di Marcianise, Caserta, Santa Maria Capua Vetere, Cervino e Mondragone.

Questi i percorsi e i monumenti aperti nei giorni del 25 e 26 marzo.
Succivo: Casale di Teverolaccio, Cappelletta gentilizia di Teverolaccio, Chiesa della Trasfigurazione, Museo Atellano, Cappella della Madonna dell’ulivo, Casa delle Arti ex Casa Balilla , Rudere di Castellone e Municipio di Atella di Napoli.
Sant’Arpino: Chiesa di Sant’Elpidio, Palazzo Ducale, Palazzo Magliola, Piazza Giordano, Palazzo Pezzella.
Orta di Atella: Convento di San Donato, Piazza del borgo di Casapozzano, Castello dei duchi di Casapozzano, Cappella della Congrega del Rosario.

You may also like...