Incontro tra mondo Produttivo e Accademico alla Reggia organizzato da Coldiretti Caserta

MalannurcaLa Melannurca Campana riduce il colesterolo e combatte la calvizie
Grande incontro tra mondo Produttivo e Accademico alla Reggia organizzato da Coldiretti Caserta
Dagli estratti della preziosa melannurca campana si otterranno l’AppleMets colesterolo e l’AppleMets hair, due prodotti nutraceutici in avanzata fase di sperimentazione sull’uomo in grado di combattere efficacemente il colesterolo in eccesso e la calvizie.
Questi sono i risultati di uno studio durato tre anni del Dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II condotto dal Direttore Ettore Novellino e dal professore Gian Carlo Tenore presentato al convegno “La melannurca campana: risorsa per il territorio e per la salute” organizzato e promosso da Coldiretti Caserta tenutosi ieri nella Sala degli Specchi della Reggia di Caserta, sede dell’Ente Provinciale per il Turismo. Una ricerca in campo nutrizionale e farmaceutico importante per i consumatori che si rileva un valore aggiunto per le aziende agricole ortofrutticole della provincia di Caserta, uno dei territori di maggior produzione di questa mela ad indicazione geografica protetta originaria della Campania, una straordinaria varietà dalle eccellenti proprietà nutrizionali ed organolettiche conosciuta fin dai tempi degli antichi romani, che nel Sud Italia contribuisce per il 95% della produzione complessiva di mele e a livello nazionale per circa il 4%.
Frutto definito anticamente “mela Orcola” dalla polpa croccante e soda e dal sapore gradevolmente acidulo ed aromatico.
L’incontro, dove è stato siglato anche il protocollo d’intesa tra Coldiretti Caserta e il Dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II per un’attività di collaborazione futura, presieduto da Tommaso De Simone Presidente Coldiretti Caserta e di Camera di Commercio, è stato introdotto da Angelo Milo, Direttore Coldiretti Caserta, che ha dichiarato: “oggi per la nostra Organizzazione è stato un momento molto importante e con questo abbiamo pensato di avviare una serie di incontri cadenzati che tratteranno tutti gli aspetti delle altre eccellenze territoriali, cercando di far coincidere     l’aspetto produttivo con quello nutrizionale e salutistico. L’auspicio è che questo percorso, così programmato, vada oltre il nostro circuito approcciandosi sempre di più al consumatore”.
Hanno preso la parola al convegno moderato dalla giornalista Antonella D’Avanzo, Lucia Ranucci, Commissario dell’Ente per il Turismo, Maria Erminia Bottiglieri, Presidente Ordine dei Medici Caserta, Mauro Felicori, Direttore della Reggia di Caserta e Alfonso Pecoraro Scanio, che nel periodo in cui è stato Ministro all’Agricoltura, ha lavorato per il riconoscimento dell’Igp della Melannurca.
Il contributo scientifico è stato dato dal direttore del Dipartimento di Farmacia della Federico II, il professore Ettore Novellino che ha presentato le fasi ed i risultati della ricerca sulla melannurca illustrando l’elevato contenuto di un gruppo di polifenoli dai riconosciuti effetti salutistici – le Procianidine – superiore a qualsiasi altra mela presente sul mercato. “Questo risultato unito alle proprietà già note in letteratura sugli effetti degli estratti procianidinici di melannurca sulla colesterolemia – ha spiegato il direttore – ha permesso di mettere appunto un prodotto nutraceutico, AppleMets colesterolo, in grado di ridurre del 28,8% il colesterolo totale ed incrementare l’espressione delle HDL (colesterolo buono) del 60%”. Inoltre, si è soffermato sulla Nutraceutica, la branca della Medicina che studia l’azione benefica e curativa degli alimenti sulla salute umana, termine che nasce dalla fusione ‘nutrizione’ e ‘farmaceutica’ e sintetizza che il cibo può essere la prima ed efficace soluzione terapeutica. Non mangiare e curarsi, ma curarsi mangiando”. Sempre avvalendosi dell’estratto di melannurca campana hanno focalizzato lo studio anche su un altro preparato l’AppleMets hair, che invece combatte efficacemente la calvizie, consentendo la ricrescita  dei capelli con un aumento significativo anche del diametro del capello. Prodotti ottenuti dalla  melannurca campana Igp che non hanno gli effetti collaterali di farmaci e altri preparati anticolesterolo.

Al professore Novellino sono seguiti gli interventi di Diego Colaccio, Direttore Sanitario del Presidio Ospedaliero di Santa Maria Capua Vetere, che ha messo in evidenza i dati statistici delle persone affette da colesterolemia della provincia di Caserta; Rosario Cuomo, docente dell’Università Federico II che ha parlato di alimentazione e nutraceutici nelle patologie gastrointestinali; il professore Antonello Santini, Università Federico II, che ha relazionato su alimenti funzionali, integratori alimentari e nutraceutici. Delle zone di produzione, dei mercati e dei progetti che mirano alla valorizzazione e alla promozione della melannurca campana ne ha discusso Giuseppe Giaccio, Presidente del Consorzio di Tutela.

A concludere, è stato il Presidente Tommaso De Simone “questa giornata in cui si è incontrato il mondo della Produzione di un prodotto che ho nel cuore e il mondo Accademico che ci ha illuminato su uno studio importantissimo – ha dichiarato – ha rappresentato un momento incredibile. Momenti come questo, riescono a creare sinergia tra di loro, creano le grandi opportunità. Siamo grati alla padrona di casa, Lucia Ranucci, che ci ha ospitato in questo meraviglioso salone degli Specchi all’interno di Palazzo Reale, al Direttore Mauro Felicori, ai professori che hanno condotto lo studio e a tutti gli intervenuti.

You may also like...