L’Arte del Sacro e del Profano a Casertavecchia il 24 e il 25 giugno

Cultura, spettacoli e musica saranno gli ingredienti principali della rassegna “L’arte del sacro e del profano”, appuntamento ormai tradizionale organizzato ogni anno a fine giugno dal direttore artistico Gianni Genovese in collaborazione con il Comune di Caserta. Palcoscenico degli eventi, nelle giornate di sabato 24 e domenica 25 giugno, sarà come di consueto il borgo di Casertavecchia, che nel corso della due giorni si mostrerà ai visitatori in tutta la sua bellezza. Ricchissimo il programma degli appuntamenti di questa quinta edizione, che, come indica il titolo (“Donne… sacre e profane”) avrà come protagonista l’universo femminile.
La rassegna comincerà il 24 giugno alle 18.00 con il “Pomeriggio Letterario”, evento moderato da Cristina Salvio che si terrà all’interno della Cappella dell’Annunziata: in apertura l’incontro dibattito sul tema “Donne a confronto”, a seguire le presentazioni del libro “Bum bum” di Raffaele Sannino, del progetto “Educazione Sentimentale 2.0” a cura di Nando Misuraca e del video musicale “Ancora vivo” della cantante D’Aria.
In serata, a partire dalle 21.00, a Piazza Vescovado ci sarà il concerto dei “Nantiscia”, gruppo casertano di recente formazione che ha ottenuto già un ottimo successo di pubblico con l’album d’esordio, il cui titolo è semplicemente “Nantiscia”: la band, composta da Ferdinando Ghidelli (pedal steel e chitarre), Annalisa Messina (voce), Peppe Vertaldi (batteria) Donato Tartaglione (contrabbasso) e Ubaldo Tartaglione (chitarre e mandolino) suonerà brani apprezzati come “N’è ora” e “Sta felicità”. Durante la serata sarà consegnato anche un premio alla carriera all’attrice Lucia Cassini. Gli eventi riprendono domenica 25 con il secondo “Pomeriggio Letterario”, previsto allo stesso orario e nello stesso luogo del giorno precedente. Stavolta oltre alle presentazioni dei libri “Balla solo per me” di Vincenza Alfano e “La custodia del sé” di Alma Minghi, al centro dell’attenzione ci saranno i singolari scatti proposti nella mostra fotografica “Le mie Marilyn”, dedicata all’attrice Marilyn Monroe e curata dall’artista Alessandro Giunta. A seguire la premiazione del contest fotografico “Donne…sacre e profane” e la performance teatrale “Donna senza tempo” che vedrà in scena gli attori della Compagnia della città “Fabbrica Wojtyla” diretta da Patrizio Ranieri Ciu.
Il weekend a Casertavecchia si conclude in piazza Vescovado alle 21.00 con il concerto di Giuseppina Torre intitolato “Il silenzio delle stelle”.
Giuseppina è una pianista siciliana di immenso talento che negli ultimi anni è riuscita ad aggiudicarsi per ben quattro volte i “Los Angeles Music Awards”.
(Daniela Russo)
– See more at: http://www.casertaweb.com/articoli/27743-l-arte-del-sacro-e-del-profano-a.asp#sthash.g32GvDN7.dpuf

You may also like...