“Le Regine della Reggia”, viaggio nella storia delle sovrane borboniche l’8 marzo a Palazzo Reale

Giovedì 8 marzo in occasione della giornata internazionale delle donne si terrà alle 17 in Cappella Palatina la conferenza: “Le Regine della Reggia. Dietro le quinte della sovranità”.

La giornalista Nadia Verdile, collaboratrice de “Il Mattino” e autrice di numerose pubblicazioni sul tema femminile, realizzerà un excursus sulle sovrane borboniche che hanno abitato Palazzo reale, esaminando lettere private, visioni storiche, leggende e fatti, raccontando le regine nella loro dimensione di donne “dietro le quinte” della sovranità, oltre il loro aspetto regale e istituzionale.

Come sostiene l’autrice: “Le donne delle case reali, per secoli, sono state utilizzate, attraverso i legami matrimoniali, per costruire e mantenere reti diplomatiche. I matrimoni dei sovrani costituivano un elemento fondamentale delle relazioni tra potenze, gli Stati si ingrandivano, si consolidavano o ridimensionavano in seguito ai matrimoni. Le regine erano viste spesso come ‘infiltrate’ nella corte del marito. Trasferite là dove le chiamavano i destini e gli obblighi familiari, erano percepite come ‘straniere a corte’ e non sempre riuscivano ad integrarsi nella nuova patria. Di loro si sa poco e talvolta male.”

Nel corso della conferenza interverrà inoltre la compagnia teatrale “Fabbrica Wojtyla & Compagnia della Città”.

L’ingresso alla conferenza è gratuito e l’accesso è previsto dal cancello centrale del Palazzo Reale previa esibizione dell’invito (cartaceo o digitale) pubblicato sulla pagina Facebook o sul sito web della Reggia.
Nella foto: La Regina Maria Amalia di Sassonia, particolare di un dipinto di Louis De Silvestre

You may also like...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi