La Strana Storia dell’Uomo Pinguino al Piccolo Teatro Cts

Dopo un classico teatrale della scorsa settimana, il Piccolo Teatro Cts propone uno spettacolo molto particolare, così particolare da chiedersi: “può il teatro privarsi della parola?”. Certamente si! In particolare il teatro del mimo. In ogni modo in teatro ormai si è rappresentato di tutto e in qualsiasi forma; ma la proposta di un teatro che sia al di fuori degli schemi classici è una regola usata poco. E proprio in questa regola rientra la rappresentazione La Strana Storia dell’Uomo Pinguino in scena al piccolo casertano di via Louis Pasteur, 6 (zona Centurano) per sabato 24 marzo ore 20,30 e domenica 25 marzo ore 18,30.

Sul palco ci sarà l’artista/attore MavenMar, fondatore dell’omonima compagnia teatrale e curatore di questo stesso spettacolo che per 63 minuti si priva della parola ad eccezione di una frase, declamata in 40 secondi che irrompe nel silenzio. La parola compare come uno spettro, come colpo di scena, la realtà che pone fine od inizio ad un sogno, ad un viaggio dell’immaginazione. “Signore i signori, questa è la storia, una storia di ricordi soffiati nel vento o annegati in un mare profondo, o semplicemente è la storia di un vecchio uomo e di una vecchia piccola bambola di pezza, una storia raccontata da un…narratore muto“.

Questa è la frase che nessuno si aspetta. Innanzitutto una colonna sonora inedita di fondo, avvolgerà il pubblico per 63 minuti, poi maschere e personaggi si muoveranno tra ombre e luci. Il corpo dei personaggi racconta una storia fatta di emozioni, una storia che ogni spettatore riscrive nella propria immaginazione con la propria sensibilità. Sulla scena un solo attore che interpreta 6 personaggi: il pinguino, il vecchio, il mostro, la dama bianca, il guerriero, il narratore muto. Sei personaggi ed una vecchia bambola in una scrittura drammaturgica che li lega tra loro in una storia sottile, personaggi che si intrecciano e si impregnano di emozioni, uno specchio in cui guardarsi.

Non è mimo, non è danza, non è teatro danza, non è teatro di figura, non è teatro di parola, è teatro dell’oltre. Un teatro che ricerca la fusione tra vari linguaggi e che coinvolge il corpo nel suo complesso, compresa la voce. Drammaturgia che punta al cuore, agli occhi, ai sensi, che produce elaborazione, rielaborazione, dove ognuno scrive una storia, la propria storia. Scena dove, scrittura, movimento, musica, corpo e maschere si fondono nel respiro profondo della luce e dell’ombra. Teatro che va oltre, perché il teatro può tutto, essere tutto ed il suo contrario, può essere un ossimoro, un narratore muto che si muove tra la luce e l’ombra.

L’artista MavenMar si è specializzato in mimo alla “Civica Scuola d’Arte Drammatica Piccolo Teatro di Milano” e si è laureato in Discipline delle Arti e dello Spettacolo all’Università di Bologna. Dopo molte esperienze teatrali, sia da attore che da ideatore di spettacoli, ha continuato a ricercare attraverso lunghi studi, le tecniche che riguardano la conoscenza del corpo e del teatro approfondendo diverse discipline orientali. Esperto in arti marziali giapponesi, si è addentrato nel mondo del pensiero orientale diplomandosi operatore Zen Shiatsu al Monastero Buddista Enso Jin di Milano.

 

fonte: https://casertaweb.com/notizie/la-strana-storia-delluomo-pinguino-scena-al-piccolo-teatro-cts/

You may also like...

uesto sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi