Articoli in Evidenza
cosa-mangiare-marche-vacanza

Cosa mangiare nelle Marche in vacanza? Tra degustazioni e piatti poveri

Viviamo in Italia, in uno dei paesi più famosi al mondo proprio per la cultura gastronomica. Ci sono diversi piatti che sono diventati iconici, tra cui la pizza napoletana. Ma non ci concentreremo sulla cucina del Sud Italia, bensì vogliamo approfondire cosa mangiare nelle Marche in vacanza. Piatti tipici e tradizione autentica e genuina ci raccontano di un territorio che riflette la ricchezza del posto, tra mare e terra.

Olive all’ascolana

Gli antipasti sono un’importante parte della cucina marchigiana e offrono un assaggio della varietà di sapori che questa regione ha da offrire. Tuttavia, l’antipasto da provare per eccellenza in vacanza nelle Marche – street food d’eccezione – è l’oliva all’ascolana. No, le olive che assaggerete qui non sono simili a quelle provate magari dopo aver acquistato i surgelati al supermercato. Qui parliamo della cultivar Ascolana, farcita con ripieno di polpa di manzo e maiale. Di solito viene servita come antipasto nel gran fritto ascolano, insieme alla crema (ovviamente fritta).

Ciauscolo

Largo spazio ai salumi marchigiani, invidiati in tutto il mondo. In questo caso, però, ci troviamo di fronte a un prodotto estremamente particolare, a tutela IGP. Il cosiddetto ciauscolo viene realizzato attraverso l’impasto di tagli magri e grassi di carne suina, a cui si aggiungono gli aromi, tra cui aglio e pepe. Il suo sapore è definito e incredibile, esaltato anche dalla presenza del vino bianco, che completa la ricetta. La sua consistenza non è classica: è una sorta di paté da spalmare sul pane rigorosamente marchigiano.

Prosciutto di Carpegna

A chi non piace il prosciutto? Ecco, anche le Marche ha il suo marchio Dop: il prosciutto di Carpegna, diffuso e tipico della parte settentrionale, è molto particolare per diversi motivi, dal momento in cui il suo sapore è dolce e aromatico al contempo. Qual è il segreto di questo prodotto tipico? Semplice: viene preparato con pepe e paprica, e ovviamente la lunga stagionatura conferisce al prosciutto un colore ambrato.

Crescia

In Romagna c’è la piadina, nelle Marche troviamo la crescia. Molto simile alla focaccia o alla piadina, ovviamente è estremamente particolare. La crescia è diffusa nelle province di Pesaro e Urbino, tra crescia sfogliata e crostolo di Urbania. Non manca anche la variante unta di lardo e olio di oliva.

Vincisgrassi

La cucina marchigiana si caratterizza per una lunga tradizione contadina: così, è impossibile non conoscere i  vincisgrassi, ovvero la pasta al forno per eccellenza nelle Marche. Piatto rappresentativo delle feste e della domenica, viene preparato con sugo di carpe e ripaglie a pezzi, besciamella (non sempre) e ingredienti che variano in base al territorio, dal tartufo alle animelle, dai funghi fino al Marsala.

Maccheroncini di Campofilone

Volete provare una pasta tipica delle Marche? Allora decisamente non lasciatevi sfuggire i maccheroncini di Campofilone, che sono particolarissimi. Sfoglia così sottile da sembrare quasi trasparente, a tutela IGP: si presentano come degli spaghetti a sezione quadrata, molto lunghi e molto sottili. Come si possono condire? Sia con il sugo di carne che con quello di pesce.

Coniglio in porchetta

Un secondo della tradizione marchigiana a tavola? Decisamente il coniglio in porchetta, un piatto tipico che combina la carne di coniglio con erbe aromatiche come rosmarino e salvia, creando un sapore unico e gustoso. Rigorosamente da provare insieme alle patate arrosto, o magari con un contorno di verdure grigliate. Certo, non in estate. Ma, del resto, nelle Marche si va sempre in vacanza con piacere in tutte le stagioni.

Ciambella marchigiana

Fare colazione nelle Marche vuol dire anche avere la possibilità di provare i suoi deliziosi dolci tradizionali. A questo punto non possiamo non citare il ciambellone marchigiano, arricchito con uvetta e glassa di zucchero. Nella versione rustica è anche possibile provarlo con Nutella e amaretti, ma noi suggeriamo di assaggiare prima la variante tradizionale. Dolce, soffice e perfetta da accompagnare con il cappuccino.

Consigli per una vacanza nelle Marche

Organizzare una vacanza nelle Marche è un suggerimento che non possiamo non dare, non solo in virtù dei piatti prelibati descritti fino a qui, ma anche per la bellezza dei posti. Una regione tra mare e montagna, dove non manca di certo la possibilità di rendere il proprio viaggio super entusiasmante con attività adrenaliniche e mozzafiato. Suggeriamo di alloggiare in un hotel 3 stelle a Pesaro per un’esperienza completa: su PesaroTravel.it non manca una selezione di strutture con servizi moderni e indicati per tutti i turisti. Tra un piatto e l’altro, non dimenticate, infine, di inserire nella vostra to do list i 10 borghi più belli da vedere nelle Marche.

Potrebbe Interessarti Anche...

Vacanza a Cattolica: scoprire l’entroterra e i borghi medievali

Vacanza a Cattolica: scoprire l’entroterra e i borghi medievali

Cattolica, non solo mare e spiaggia ma anche tanta cultura, arte, architettura, storia e tradizione …

Sahifa Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.